L’autunno è arrivato e per i condomìni che hanno un impianto di riscaldamento centralizzato è giunta l’ora di accendere i termosifoni.

Spesso ci capita di parlare con condòmini dei piani centrali che d’inverno, data la posizione particolarmente riparata del loro appartamento, regolano la valvola del termosifone al minimo.

Come fare, quindi, in questi casi per risparmiare sulla bolletta del riscaldamento?
Oggi è un consiglio, ma dal 31/12/2016 diventerà un obbligo. Basta apporre delle valvole termostatiche ai termosifoni per rilevare e comunicare il consumo effettivo.

La contabilizzazione del calore sarà quindi obbligatoria non solo per i singoli appartamenti, ma anche per le centrali termiche dei cosiddetti super condomìni.
Le multe per chi non si adeguerà sono salatissime e vanno dai 500 ai 2500 euro.

Grazie alla contabilizzazione del calore, i condòmini e i condomìni pagheranno solo l’effettivo consumo di energia necessaria per il riscaldamento dei radiatori.
I condòmini, inoltre, possono utilizzare semplici accorgimenti per risparmiare ancora di più.
Ad esempio, è meglio non porre nulla davani ai termosifoni (tende o mobilio) favorendo così la libera diffusione del calore. E’ ancora buona norma chiudere la valvola di regolazione del calore prima di apire le finestre, evitando così sprechi. Anche la buona tenuta degli infissi è fondamentale per ottimizzare il risparmio energetico. E lo sapevate che ogni grado in più oltre i 20° C comporta una spesa annua maggiore del 7%? Meglio quindi regolare la temperatura delle stanze secondo le necessità.
Per questo la contabilizzazione del calore non è solo un obbligo ma un’opportunità.

Per adeguarvi alle nuove normative sulla contabilizzazione del calore, contattateci con l’apposito form.

Inviaci email

8 + 0 = ?